La dedica di Piero Cristofaro a Rosa Socci

- Al: 18/05/2015, 15:45 | Categoria: Altro
STAMPA
printpreview

L'immensità uno sguardo particolare

timido, calmo come il mare ma ti manda quel calore

che ti scalda il cuore

sociale ed altruista rincuori chi è triste

dolce e disponibile brilli come un monile

un fisico prosperoso rilassante dove riposi

anche se con pudore tu sei il mio equatore.

Eccitante e carnale stingi, 

non ti fai male come morbido cuscino

farai l'amore divino.

Povero, nudo e crudo

sazi in tutti i modimeritando una rosa

beato Carmine

che un giorno ti chiederà in sposa

 

"Piero Cristofaro"

 

 

Contatti

redazione@molisecentrale.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK