Di Maio si dimette da capo politico del Movimento Cinque Stelle: ecco cosa potrebbe cambiare in Molise

| di Viviana Pizzi
| Categoria: Attualità
STAMPA
 Se ne parlava già da giorni. Ed è l' ulteriore colpo per il Movimento Cinque Stelle, che arriva a pochi giorni dalle regionali di Emilia Romagna e Calabria. 
 
Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio oggi pomeriggio annuncerà le sue dimissioni da capo politico del Movimento. Di Maio, a quanto si apprende, avrebbe anticipato la sua decisione questa mattina nella riunione con i ministri del Movimento. 
 
L'annuncio arriverà in occasione della presentazione dei facilitatori regionali, al Tempio di Adriano. Cresce, in queste ore, l'ipotesi di affidare la reggenza del M5S a Vito Crimi, in vista degli Stati generali previsti nella metà di marzo.
 
La notizia porterà sicuramente sconcerto anche nel Movimento Cinque Stelle del Molise. Dove il capogruppo regionale Andrea Greco aveva sempre seguito la linea politica dettata dal ministro degli Esteri. 
 
Nello stesso Movimento molisano che solo la settimana scorsa aveva perso il senatore Luigi Di Marzio. Oggi a Roma per il Molise i facilitatori saranno il  senatore Fabrizio Ortis, la deputata Rosalba Testamento e il consigliere comunale Matteo Fallica. La fase in Molise si fa complicata nonostante si possa ancora dire che è la Regione dove il Movimento Cinque Stelle, con il Comune di Campobasso monocolore, riesce a confermare un trend positivo.
In serata è toccato al consigliere De Chirico dire la sua e ringraziare Di Maio per il lavoro svolto: 
Grazie Luigi, grazie davvero. Se si potessero clonare le persone bisognerebbe farne uno identico a te ma con una faccia diversa e metterlo a capo del nostro movimento, unico e storico Movimento. Perché lo show della politica vive di cicli variabili e il tuo appeal fisico verso gli elettori era forse in una parabola discendente, ma la qualità dell’uomo, del giovane uomo, quella è sempre stata su una retta orizzontale, stabile, indiscutibile e difficile da ritrovare. Autorevolezza, impegno e stile te le ho sempre riconosciute. Non tutti possono ricoprire un ruolo del genere, sempre presente e sempre pronto a dare risposte a chiunque, ogni giorno, ogni ora.
E se hai fatto scelte sbagliate è perché le hai fatte le scelte. Chi non le fa non sbaglia mai! 
Auguri a noi".
Successivamente è intervenuta anche la consigliera atrizia Manzo: "Ho sentito vicino il discorso di Luigi Di Maio.
So cosa significa accettare un passo di lato perché, nonostante tutto e prima di tutto, c'è il progetto. 
Quel progetto per il quale ci sono sempre stata, grazie alla fiducia che nutro nei confronti dei cittadini, grazie alla voglia di portare avanti quelle idee che ci hanno riuniti: i beni comuni, uno sviluppo sostenibile, un nuovo modo di fare politica, un programma realizzabile e serio.
 
Ho apprezzato la sua sincerità, che solo chi non vuole capire non ha colto fino in fondo. 
 
Certo, è sempre l'ego di qualcuno che indebolisce un gruppo e Luigi, con questa scelta, ha dimostrato che il MoVimento 5 Stelle viene prima di tutto. Ha mostrato che Uno vale Uno non significa che Uno vale l'altro. Ha dimostrato a tutti che chi c'è sempre stato ora ha il compito di trasmettere la propria esperienza, i risultati e gli errori. 
 
L'M5S è in movimento e lui lo ha voluto dimostrare traghettando tutti verso gli stati generali.
 
Non dimenticherò la strada percorsa dal 2013. Grazie Luigi". In serata le dichiarazioni del capogruppo Andrea Greco: "
Amico mio, per me rappresenti l'essenza stessa di un'intera generazione che si riprende con coraggio il proprio destino.
 
Nella vita ogni cosa è raggiungibile e tutto si supera, c'è una sola cosa che non si può recuperare o comprare, ed è il tempo. Hai dato al MoVimento, come molti di noi, i migliori anni della tua esistenza, senza mai risparmiarti e di questo, come cittadino e rappresentante delle istituzioni, te ne sarò sempre grato.
 
"Non mollo, continuerò a dare il massimo per il MoVimento 5 Stelle, perché è casa mia, è la mia famiglia". 
Le tue parole caro Luigi Di Maio questa sera mi hanno dato una grande forza. Eri lì a 5 metri da me, volevo correre ad abbracciarti, non ci sono riuscito perché l'affetto ti sovrastava. Ti voglio bene e voglio pensare che il passo di lato è solo un modo per prendere la rincorsa. 
 
Grazie per il tuo tempo, per la tua forza, il tuo coraggio e la tua "cravatta" che tanto hanno dato a questo sogno".

Viviana Pizzi

Contatti

redazione@molisecentrale.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK