Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Cartelloni sessisti a Campobasso, la consigliera di parità Cennamo e altre 12 donne: vanno rimossi, non ci accontentiamo

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
A seguito della iniziativa promossa dalla Consigliera di Parità Regionale, sulla base della segnalazione fatta dalla UIL Mobbing & Stalking, dalla UIL Pari opportunità e Politiche di Genere e dall’ADOC Molise, l'Amministrazione Comunale di Campobasso ha oscurato una parte del corpo di una delle due donne ritratte nei giganteschi manifesti, che sono apparsi in tutti i luoghi più significativi della città. Questa mattina, all'esito di una riunione virtuale -cui hanno preso parte la stessa Consigliera di Parità regionale, la UIL Mobbing & Stalking, la UIL Pari opportunità e Politiche di Genere, l’ADOC Molise, la Vice Sindaco, Paola Felice e, direttamente o su delega, quasi tutte le associazioni, gli enti e le rappresentanti istituzionali, comprese alcune consigliere comunali di minoranza, che componevano la Consulta Femminile della Città di Campobasso- si è manifestato il sostegno alla iniziativa di denuncia intrapresa e portata all'attenzione della opinione pubblica e il rammarico per la insufficienza della misura "riparatoria" adottata, che crea equivoci sulle ragioni e sui principi che si è voluto ribadire: non è l'immagine di un corpo nudo ad avere destato indignazione, ma l'accostamento di corpi femminili, in pose più che ammiccanti, ad oggetti ed a frasi che mortificano non solo la dignità delle donne (non solo di quelle ritratte), ma anche quella di tutti quegli uomini che sostengono la battaglia per porre fine a campagne pubblicitarie e comunicative che attingono ai peggiori stereotipi e che utilizzano i corpi femminili per messaggi esplicitamente sessisti e non più accettabili. Le immagini e le parole sono le prime forme di dis-educazione e di violenza, se non vengono usate in modo appropriato, e sono determinanti per comprimere i principi costituzionali di parità e di uguaglianza, oltre ad essere da stimolo ad amplificare le discriminazioni di genere. Si rinnova l'invito all'amministrazione comunale di Campobasso e ad ogni altra amministrazione che dovesse essere interessata, ad intraprendere tutte le iniziative di legge per far rimuovere immediatamente i cartelloni pubblicitari in oggetto e ad adottare norme che consentano di prevenire analoghe situazioni in futuro.
 
 
 
 
 
Giuseppina Cennamo – cons. di parità Regione Molise
 
Grazia Minotti – resp.coordinamento donne SPI-CGIL Molise;
 
Carmela Amura –Resp. reg. Ascolto M&S  contro le violenze-UIL Molise;
 
Annamaria Trivisonno- V. Sindaco  Comune Ripalimosani;
 
Nicola Criscuoli – pres ADOC Molise;
 
Mirella Di Donato- pres. FIDAPA BPW Italy
 
Giuseppina Frate – Be Free-Molise-centro antiviolenza
 
Maria Varone -   Pres. CPO -UIL Molise
 
Bibiana Chierchia - Consigliera gruppo PD Comune di Campobasso;
 
Alessandra Salvatore- Consigliera gruppo PD Comune di Campobasso;
 
Antonella Giordano – CPO Ordine dei medici  e odontoiatri–CB-
 
Maria Tunno -Ordine degli ingegneri-CB-
 
Angela Fiore – Ordine Avvocati  -CB-                      
 
 

Contatti

redazione@molisecentrale.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK