Partecipa a MoliseCentrale.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Mercato immobiliare: le case più richieste hanno il box per l'auto

Condividi su:

Il mercato immobiliare è cambiato tantissimo negli ultimi anni. Sono emerse nuove esigenze e istanze e, tra queste, spicca la ricerca di soluzioni abitative caratterizzate dalla presenza di box per l'auto. Come mai sono così richieste? Il motivo è molto semplice: in un periodo in cui la casa è diventata ancora di più il nido e il luogo dei momenti speciali, gli aspiranti proprietari sono alla ricerca del massimo del comfort. In generale, sono richieste le soluzioni abitative, trilocale in particolare, caratterizzate dalla presenza di spazi extra. Il box auto è uno di questi.

Dal momento che quando si compra casa è necessario ragionare sul lungo termine e pensare anche in ottica di investimento e del valore futuro dell'immobile, è bene farsi trovare pronti al fatto che la presenza di pertinenze può fare una grande differenza. La pertinenza dell'immobile - concetto a cui è dedicato un eccellente approfondimento sul sito ufficiale di Dove, agenzia immobiliare giovane e innovativa che sfrutta le potenzialità del web per snellire i processi di compravendita - è accatastata nelle categorie C2, C6 e C7. 

Le autorimesse rientrano nella C6. Nella C2 possiamo trovare - tra le varie voci - la cantina, mentre la C7 comprende le tettoie, siano esse chiuse o aperte. La pertinenza immobiliare altro non è che uno spazio - nel Codice Civile si utilizza il termine cosa - avente un rapporto economico e funzionale con l'immobile principale e che ne aumenta il decoro.

Quando si acquista un immobile con pertinenze - immaginiamo l'esempio già citato del box - bisogna essere a conoscenza di diversi aspetti tecnici. Chi compra una casa con un'autorimessa, deve pagare la TARI, ossia la tassa sui rifiuti, anche per essa. L'unico modo per non versare questo tributo prevede la dimostrazione del fatto che il sopra menzionato spazio non produce rifiuti.

Inoltre, se l'immobile è una seconda o una terza casa di proprietà bisogna pagare l'IMU anche sul box. Il metodo di calcolo in questo caso è lo stesso che va preso in considerazione per l'immobile (si chiama quindi in causa la rivalutazione della rendita catastale).

Come già accennato, la presenza di pertinenze in un immobile può incidere molto sul suo valore di mercato. Se nel momento in cui si compra una casa bisogna impegnarsi per renderla appetibile nel corso del tempo - una buona idea può essere, per esempio, l'esecuzione di lavori finalizzati al miglioramento della prestazione energetica - lo stesso si deve fare con il box. 

Elettrificare e automatizzare il meccanismo di apertura aggiungendo un sistema motorizzato permette, a fronte di un investimento di poche migliaia di euro, di far guadagnare diversi punti al proprio immobile.

Condividi su:

Seguici su Facebook