Campobasso: Vendevano auto senza pagare l'IVA, 2 arresti

L'accusa è di associazione a delinquere

| Categoria: Cronaca
STAMPA
printpreview

Campobasso - Nel pomeriggio di ieri, la Polizia di Stato  ha tratto in arresto un quarantaquattrenne di Campobasso, in esecuzione di un ordine di espiazione di pena detentiva – di anni due - in regime di detenzione domiciliare emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Campobasso. Il predetto, infatti, risultava condannato per il reato di associazione a delinquere commesso nel periodo gennaio 2003 - novembre 2006.

La persona tratta in arresto dalla locale Squadra Mobile, unitamente al fratello - legale rappresentante di una società di commercializzazione di auto in Campobasso - introduceva nel territorio nazionale circa 1000 veicoli, nuovi ed usati, provenienti da Stati membri dell’Unione Europea, senza provvedere al pagamento dell’IVA.

L’attività criminale veniva attuata attraverso l’acquisto delle vetture per il tramite di alcune società risultate vere e proprie “scatole vuote”, in quanto prive di risorse patrimoniali. Continuano inoltre, ininterrottamente, a cura della Polizia di Stato di Campobasso, i controlli straordinari di controllo del territorio predisposti nell’ambito di questa provincia, al fine di prevenire e contrastare particolari fenomenologie di criminalità diffusa che notoriamente creano notevole allarme sociale e viva preoccupazione nella popolazione.

 

Contatti

redazione@molisecentrale.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK