Area di crisi, Frattura e Petraroia: "Disponibilità e attenzione dei Ministeri per la nostra istanza”

| di La redazione
| Categoria: Politica
STAMPA

Roma - “Attenzione e disponibilità nei riguardi della nostra istanza, siamo confortati e incoraggiati dall’atteggiamento seriamente costruttivo con il quale è stata trattata e valutata la richiesta di riconoscimento dello stato di crisi industriale per il distretto produttivo allargato di Campochiaro, Bojano, Isernia e Venafro”. Così il presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, al termine della riunione presso il Ministero dello sviluppo economico per il riconoscimento dell’Area di Crisi nel Distretto di Bojano – Isernia – Venafro. Durante il vertice romano è stato costituito un gruppo tecnico di lavoro che predisporrà una prima ipotesi operativa che sarà esaminata nella prossima sessione programmata per il prossimo 6 marzo alle 10.

All’incontro di oggi con il viceministro Claudio De Vincenti, anche i parlamentari molisani del Pd Roberto Ruta e Danilo Leva, il presidente della Provincia e sindaco di Isernia Luigi Brasiello, il sindaco di Venafro Antonio Sorbo, il sindaco di Bojano Antonio Silvestri, il sindaco di Campochiaro Antonio Carlone e l’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri.

Ci siamo aggiornati ai primi giorni del mese di marzo, riferisce il governatore, per individuare e verificare, di concerto con i Ministeri, lo strumento più calzante rispetto alle esigenze e alle aspettative dell’importante area produttiva per la quale chiediamo il riconoscimento dello stato di crisi. Abbiamo registrato nei confronti del Molise un’apertura seria e costruttiva, segno di attenzione e sensibilità. Presupposti importanti, questi, per delineare definitivamente il percorso da noi presentato come necessario e indispensabile per la ripresa occupazionale e socioeconomica della nostra regione”, conclude Frattura.

Soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore al Lavoro, Michele Petraroia. “Al termine di un percorso non semplice che ha visto impegnate le istituzioni regionali, i sindacati confederali e le associazioni, il commento dell’esponente dell’esecutivo regionale, si è finalmente avviata a conclusione la procedura che consentirà al Molise di poter disporre di un Accordo di Programma che coinvolgerà il Governo su un progetto di rilancio economico e sociale di un territorio colpito dalle crisi delle filiere del tessile, dell’avicolo e del settore metalmeccanico.

In questa giornata utile per il Molise, ha poi concluso Petraroia, meritano di essere ringraziati tutti gli amministratori locali, i dirigenti sindacali, i rappresentanti delle forze imprenditoriali, i parlamentari e le figure che hanno sostenuto questo percorso fin dal 16 maggio 2013 quando si fece un primo riferimento al Ministero sull’opportunità del riconoscimento dell’area di crisi in un Verbale della Gam”.

La redazione

Contatti

redazione@molisecentrale.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK