Covid 19, il Consiglio Regionale istituzionalizza la riunione telematica e si prepara al bilancio

| Categoria: Attualità
STAMPA
Il Presidente Salvatore Micone ha presieduto nella mattinata una seduta dell’Ufficio di Presidenza del 
Consiglio regionale, nella quale, tra le altre cose, è stata deliberata, con voto unanime, la “proposta di 
modifica al Regolamento interno dell'assemblea regionale, approvato con deliberazione del consiglio regionale 25 marzo 
1985, n. 144”.
Le modifiche al Regolamento consiliare, proposte dal Presidente Salvatore Micone, e predisposte dal 
Segretario generale Sandra Scarlatelli, riguardano le modalità di svolgimento delle sedute degli organi 
consiliari in caso di emergenza. Viene introdotta, infatti, la disciplina dello svolgimento delle sedute 
degli organi consiliari in modalità telematica, qualora situazioni di particolare gravità ed emergenza, non 
consentano di riunirsi nelle modalità ordinarie. La modifica approvata dall’Ufficio di Presidenza, che 
sarà inviata all’esame della I Commissione per l’espressione del parere di rito, prima di giungere 
all’approvazione definitiva del Consiglio regionale, “risponde all’esigenza di scolpire, in sede 
regolamentare –come si legge nella relazione tecnica di accompagnamento alla deliberazione- la 
possibilità di effettuazione dei lavori degli organi consiliari da remoto, nell’ottica della semplificazione in 
materia di organi collegiali, qualora particolari contingenze richiedano l’adozione di misure 
straordinarie, anche per l’esercizio dell’attività istituzionale nel suo complesso”. 
L’Ufficio di Presidenza ha anche approvato la proposta di adozione del Manuale dell’Osservatorio 
legislativo interregionale (OLI) (struttura composta da funzionari dei Consigli e delle Giunte regionali, 
che permette uno scambio continuo di informazioni e la ideazione e organizzazione di seminari, studi e 
ricerche su temi di interesse regionale), dal titolo “Regole e suggerimenti per la redazione di testi 
normativi”. 
Anche questa deliberazione è stata proposta dal Presidente Micone e predisposta dal Segretariato
generale, e mira a consentire al Consiglio regionale e le sue strutture di uniformarsi elle impostazioni di 
un manuale di tecnica legislativa, drafting, che comprende l'insieme delle regole e dei suggerimenti per la 
redazione tecnica dei testi normativi. Uno strumento operativo per consentire ai soggetti che curano 
l'elaborazione tecnica dei testi di giungere ad un insieme di regole quanto più possibile chiaro, 
comprensibile, condiviso. Strumento utilizzato nella redazione dei testi già dalle istituzioni statali e 
regionali. Da questo momento quindi i testi normativi ed amministrativi prodotti dalle strutture del 
Consiglio regionale potranno armonizzarsi alle impostazioni redazionali del Regolamento OLI.
“Con i provvedimenti deliberati oggi –ha detto il Presidente Micone- l’Ufficio di Presidenza, nella sua collegialità 
istituzionale e politica, ha dato un grosso impulso alla operatività del Consiglio regionale sia promuovendo il massimo
utilizzo della tecnologia oggi disponibile per svolgere appieno il proprio ruolo anche e soprattutto in particolari momenti 
emergenziali, come quello attuale, sia nell’adottare norme redazionali per leggi e per gli atti amministrativi coerenti con il 
panorama normativo nazionale e regionale al fine di rendere massimamente chiari, diretti ed efficaci gli atti legislativi e 
deliberativi”. 
L’Ufficio di Presidenza, infine, ha provveduto ad approvare il “Bilancio di previsione pluriennale del 
Consiglio regionale per gli esercizi finanziari 2020-2022”. Il provvedimento passa ora all’esame della I 
Commissione consiliare per poi giungere all’attenzione dell’Assemblea per il varo definitivo.

Contatti

redazione@molisecentrale.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK