Tentato omicidio di Busso: il processo inizierà il 6 maggio

Imputato un 43enne di Castropignano

| Categoria: Cronaca
STAMPA
printpreview

Campobasso - Il processo nei confronti di Massimo Cannata, il 43enne di Castropignano che lo scorso 20 gennaio tentò di uccidere la sua ex compagna di 32 anni, inizierà il prossimo 6 maggio presso la Corte d'Assise del Tribunale di Campobasso, e non si esclude che la difesa possa chiedere il rito abbreviato che darebbe la possibilità di uno sconto di pena pari ad un terzo della eventuale condanna.

Secondo le ricostruzioni effettuate dai Carabinieri, l'uomo si introdusse all'interno dell' appartamento dove la donna di nazionalità rumena viveva con la figlia e dopo una lite sferrò 4 coltellate all'addome riducendola in fin di vita, poi tentò la fuga che fu bloccata dai Carabinieri nei pressi di Bojano, dove il 43enne con ancora i pantaloni sporchi di sangue fu tratto in arresto e portato alla Casa Cirondariale di Campobasso dove tutt'ora si trova recluso.

La perizia psichiatrica effettuata dal neurologo Lucio Luciano definì l'uomo socialmente pericoloso, capace di intendere ma non di volere. La donna dopo un ricovero di circa tre settimane e un delicato intervento chirurgico, ha riportato lesioni permanenti, ma soprattutto problemi fisici e psicologici.

 

 

Contatti

redazione@molisecentrale.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK