L'emozione dei Misteri

Pienone a Campobasso per il Corpus Domini

| di Giuseppe Leone
| Categoria: Tradizioni
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Campobasso - Davvero una gran bella giornata quella di Corpus Domini a Campobasso, i tredici misteri frutto del genio di Paolo Saverio Di Zinno hanno sfilato lungo le vie della città per la gioia di tutti, bambini adulti e anziani.

Un rito che si ripete ormai da oltre secoli, eppure nonostante sia sempre uguale, è attesissimo da tutti i campobassani, ma anche da tanta gente che viene dai paesi limitrofi e in qualche caso da fuori regione pur di ammirare questo evento unico nel suo genere.

Si è partito da questa mattina presto, quando tutto ha inizio con il rito della vestizione, preceduto dalla Santa Messa celebrata dall'Arcivescovo Giancarlo Bregantini, nei pressi del Museo dei Misteri in Via Trento voluto fortmente da Cosmo Teberino scomparso nell'ottobre dello scorso anno e fondatore dell'Associazione Misteri e Tradizioni. Verso le 9:30 cominciano ad uscire i primi Misteri per l'emozione degli spettatori che applaudono incessantemente lungo le vie cittadine. Simpatico siparietto quando al sindaco di Campobasso Antonio Battista viene dipinta la faccia di nero da Italo Stivaletti, che rappresentava il diavolo del mistero di Sant'Antonio Abate. Tutto è andato secondo la tabella di marcia e intorno alle 12:45 c'è stata la benedizione del vescovo Bregantini, dal balcone del Palazzo Comunale e che di fatto ha segnato la fine della manifestazione, che si è avviata alla sua conclusione.

 

 

 

Giuseppe Leone

Contatti

redazione@molisecentrale.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK